Basile: “Se la Fiorentina si dimostrerà ambiziosa gli arbitri ci penseranno due volte prima di fischiare. Biraghi? Sta dando tutto, merita un’opportunità”

“Io non mi esalterei troppo, mi limito a godermi il momento partita dopo partita"

Sbilanciarsi è ancora difficile, considerando che sono trascorse solo tre giornate di campionato. Intanto però la Fiorentina si è mostrata bella, vincente e divertente, e i tifosi viola si godono un gioco ritrovato e una vittoria entusiasmante. Di quello che potrà essere il campionato della squadra di Italiano, la redazione di Fiorentinanews.com ha parlato con il giornalista Massimo Basile: “Io non mi esalterei troppo, mi limito a godermi il momento partita dopo partita. All’andata saremo una sorpresa, mentre al ritorno gli avversari ci conosceranno e si prepareranno meglio. Al di là di questo, comunque, ci meritiamo tutti di coltivare almeno delle piccole felicità, di dire finalmente che la Fiorentina va in qualunque stadio a giocare a pallone”.

E poi sui singoli ha aggiunto: “Sottil ha una velocità che pochi possiedono in questa Serie A; ancora non vede la porta, sbaglia le decisioni finali, ma è un giocatore da tenere e proteggere così come Castrovilli e Biraghi. Io con quest’ultimo sono stato critico, ma ora sta giocando dando sempre il massimo e quindi merita un’opportunità. Noi tifosi viola siamo stati doppiamente condannati alla frustrazione: reduci da una proprietà senza più sentimenti, siamo stati illusi che si potesse ripartire subito e invece abbiamo lottato due anni per la salvezza all’interno di stadi vuoti. E’ molto bella l’immagine che la Fiorentina stia rifiorendo nel momento in cui gli stadi si stanno riempiendo di nuovo”.

 

E infine un commento sulle decisioni arbitrali contro l’Atalanta: “Il primo rigore, quello più discusso, secondo me era netto. Tra l’altro si vede chiaramente il gesto di Maehle che porta subito il braccio dietro la schiena, come a volerlo nascondere. Anche sotto questo aspetto è importante che la Fiorentina si dimostri squadra ambiziosa. In questo modo gli arbitri capiranno che quando prendono una decisione sui viola non è in gioco un decimo posto ma magari un quinto, il destino di una squadra abituata a fare la Champions League. Purtroppo in Italia il peso conta, e noi dobbiamo far capire che siamo la Fiorentina, non una squadra che vuole vivacchiare. Questo sicuramente porterebbe gli arbitri a pensarci una volta in più quando devono prendere una decisione”.