Ferrara: “Errori clamorosi e una classifica che inquieta, serve un nuovo Macía”

"Juric un nome interessante per il futuro, un allenatore che sa come costruire un gruppo, dargli una identità. La conferma dell’attuale dirigenza potrebbe anche non essere un dramma, sempre che vengano fatti passi in avanti decisi dal punto di vista dello scouting"

Ecco l’analisi di Benedetto Ferrara fatta su Repubblica Firenze:

“Le sbavature citate da Iachini per cercare disperatamente una spiegazione ai tre gol di Palacio sono molto di più. Sono errori clamorosi nei movimenti difensivi che hanno permesso a un attaccante a un passo dai quaranta di ritrovare un giorno di gloria e alla Fiorentina di complicarsi inutilmente la vita in questa estenuante e avvilente corsa verso la salvezza. Inutile ricordare l’errore clamoroso di affidare a un reparto difensivo, che non vede l’ora di cambiare aria, le sorti di una squadra che ha bisogno del massimo della concentrazione per tirarsi fuori dai guai.

Juric un nome interessante per il futuro, un allenatore che sa come costruire un gruppo, dargli una identità. La conferma dell’attuale dirigenza potrebbe anche non essere un dramma, sempre che vengano fatti passi in avanti decisi dal punto di vista dello scouting. Sarebbe importante, se non decisivo, l’arrivo di un dirigente che conosce a mena dito il calcio mondiale, trovando giocatori, sorprendendo con le sue scelte. Macìa in questo senso fu decisivo quando, insieme a Pradè, costruì la prima Fiorentina di Montella. Ma intanto c’è una classifica che ancora inquieta. E un allenatore che dice che c’è da lavorare sui meccanismi difensivi. A maggio. Farebbe sorridere se non facesse un po’ paura.”