Italiano: Vlahovic è gasatissimo, basta influenze

L'allenatore ha parlato in conferenza stampa pre-partita al sito ufficiale viola e ha voluto subito chiarire la vicenda più spinosa

Giornata di anti-vigilia in casa Fiorentina: lunedì infatti i viola sono attesi dall’ottava giornata di campionato, la quinta in trasferta. L’avversario di turno è il Venezia, reduce dal pareggio ottenuto in extremis prima della sosta a Cagliari e fermo a quota 5 punti in campionato. Dalla sala stampa “Righini” dello stadio Franchi ha preso come di consueto la parola il tecnico viola Vincenzo Italiano. Ecco tutte le sue dichiarazioni:

Su come stanno i calciatori tornati dalle Nazionali: “Abbiamo spostato l’allenamento a questa sera per dar modo ai sudamericani di recuperare: è il primo allenamento che faremo al completo. Rispetto alla gara con l’Atalanta abbiamo qualche ora in più per preparare la prossima gara. Non è facile per nessuno lavorare in questo modo, ma abbiamo dimostrato di saper preparare bene le partite anche così”.

Su come sta Vlahovic: “Dusan è tranquillo, è arrivato gasatissimo per le vittorie della sua Nazionale dove ha fatto tre gol: tutto a posto. Penso che dobbiamo tutti cercare di avere una squadra che riesca a fare il massimo in campo e per dare il massimo dobbiamo essere sereni. Mi auguro che non ci siano problemi sotto questo aspetto qua. Non dobbiamo farci influenzare da niente. Sono stato chiaro su Dusan, sono situazioni che riguardano lui e la società: io sono protagonista in campo, a me interessa quello che potrà dare il calciatore. Vlahovic ha una fame impressionante e una voglia fuori dal comune. Posso solo augurarmi che continui così. Con serenità si fanno le cose in grande, senza è più difficile”.

Ancora su Vlahovic e come può migliorare il rendimento: “Piace a tutti avere un tridente spinto in avanti: lavoriamo per fargli avere più rifornimenti possibile. Abbiamo fatto bene i primi tempi contro Napoli e Udinese, ma dobbiamo ancora crescere, per la mole di gioco che proponiamo dobbiamo essere più cinici e concreti. Nel primo tempo con gli azzurri negli ultimi 16 metri siamo stati pericolosi 4-5 volte. Possiamo fare male ai nostri avversari”.

Sul Venezia: “È una squadra che sta iniziando a prendere consapevolezza della categoria: nelle ultime gare ha mostrato grande compattezza, riparte veloce e con efficacia. Proprio a questo dovremo fare attenzione: le partite le fai diventare facili solo alla fine, quando hai dato il massimo. I nostri serbi in questi giorni hanno giocato con Lussemburgo e Azerbaijan, hanno detto che sembravano gare scontate ma non c’è stato nulla di facile”.

Sui rischi della partita e i cambi di formazione: “Rispetto a Bergamo abbiamo qualche ora in più per lavorare per cui anche i nazionali lavoreranno bene, però chi è stato qui si è impegnato tanto e ha studiato bene il Venezia. Sulle scelte vedremo… Di sicuro contro l’Atalanta abbiamo azzeccato tutto, dalle scelte iniziali fino ai cambi”.

Sul diverso rendimento tra casa e trasferta: “La nostra mentalità è uguale sia quando giochiamo in casa che quando siamo fuori, è tutto casuale il rendimento diverso. A Bergamo e Genova siamo stati bravi ad andare sul doppio vantaggio, mentre in altre gare abbiamo avuto più difficoltà. Mi piace molto il modo in cui approcciamo le gare”.

Su come stanno gli acciaccati: “Stanno tutti bene i tre serbi: Milenkovic era andato via con un problemino muscolare, ma nulla di grave. È stato intelligente lo staff della Nazionale a non rischiarlo. Ha lavorato sempre coi compagni e sta bene. Saponara ha fatto ieri il secondo allenamento, non è al 100% ma vediamo come sta oggi. Castrovilli sta ricominciando, è stato un brutto colpo per lui ma sta iniziando a fare qualcosa in più rispetto ai giorni scorsi”.

Sulle parole di Odriozola che punta all’Europa: “Mi fa piacere che si parli di obiettivi così importanti, c’è la voglia di ottenere qualcosa di grande: avere questa mentalità è bello e sentirlo dire da un giocatore che arriva dal Real Madrid mi fa molto piacere”.

Sulla crescita di Amrabat e la possibilità di giocare lunedì: “Sofyan è stato per noi importante in tutte le gare in cui è stato chiamato in causa: adesso vediamo per lunedì cosa accadrà”.

Su Maleh: “Maleh è partito bene, ha dovuto adattarsi ai nuovi ritmi della Serie A e ai nuovi compagni forti e di valore. Abituarsi alla categoria non è semplice, c’è sempre bisogno di un periodo di adattamento. Ora è in grande crescita, è giovane: in mezzo al campo può dare tante soluzioni. A Udine avrebbe potuto far male agli avversari: deve crescere di convinzione”.

L’allenatore viola Vincenzo Italiano al termine della conferenza stampa in vista della gara con il Venezia ha risposto alle domande dei tifosi tramite i social ufficiali della Fiorentina. Ecco le sue risposte:

Utilizzo diverso di Pulgar? Dalla prossima gara andrà in area a tirare di testa, lo facevamo stazionare lontano o  ai limiti dell’area perché ha un tiro preciso e fa gol importanti dalla distanza ma in Nazionale si è confermato goleador di testa in area di rigore. Vlahovic ha segnato tre gol, Pulgar ha segnato… Sono tornati tutti carichi e con la voglia di essere determinanti, non posso che esserne felice.

Nico Gonzalez può giocare a destra? C’è grande condivisione e collaborazione, parliamo sempre con i ragazzi. Lui si sente a suo agio a sinistra in questo momento per la capacità di andare sul fondo, riesce a fare assist e mettere palloni sul fondo. Ma non può non imparare a lavorare anche a destra, è una soluzione che più in là potremo sfruttare

Si può giocare col falso nueve? Cerchiamo di sfruttare Dusan che gioca con costanza e partecipa allo sviluppo della manovra, ma si va secondo le caratteristiche degli attaccanti, se dobbiamo migliorare è anche su questo.

Spazio per Agostinelli e Bianco? Sono tutti ragazzi molto interessanti, che si allenano con la prima squadra e sono in contatto con l’impegno dei grandi. Quando non li utilizziamo fanno minutaggio in primavera ma speriamo di utilizzarli quanto prima

Tifosi? Bello il sold out di Venezia, fa un immenso piacere, di lunedì non è semplice anche a livello logistico. Siamo contenti di avere tanti tifosi al seguito perché ci spinge a dare quel qualcosa in più per renderli felici. Noi diamo sempre il massimo e penso si veda anche da questo seguito. Ora siamo carichi e cercheremo di dare una gioia ai nostri sostenitori”

Fonte: tuttomercatoweb

https://www.tuttomercatoweb.com/fiorentina/?action=read&idtmw=1596993

https://www.tuttomercatoweb.com/fiorentina/?action=read&idnet=ZmlyZW56ZXZpb2xhLml0LTM1MTI3OQ