Rampulla: “Lippi? Progetto ACF può attirarlo. Però attenzione al suo passato alla Juve”

"Penso che Marcello potrebbe far bene a Firenze e potrebbe guadagnare il favore della piazza: ha una competenza incredibile, un’esperienza straordinaria che sono davanti agli occhi di tutti."

Michelangelo Rampulla ha rilasciato un’intervista in esclusiva ai microfoni di Violanews. L’ex portiere della Juventus ha lavorato diversi anni con Marcello Lippi, sia in bianconero, sia nell’avventura di Lippi in Cina. Rampulla ha commentato le indiscrezioni che vedono l’ormai ex allenatore come possibile figura di direttore tecnico all’interno della dirigenza della Fiorentina:

Rampulla, avrà sentito le voci su Lippi possibile DT alla Fiorentina dalla prossima stagione, lo vedrebbe bene in quel ruolo?

 

Da quello che so io non vuole più fare l’allenatore, credo sia nelle sue possibilità quella di poter essere un direttore tecnico di alto livello. Potrebbe prendere in considerazione questo ruolo. Le capacità e l’esperienza di Marcello Lippi farebbero comodo a qualsiasi società, lo vedrei molto bene in questo ruolo.

In questo senso, potrebbe essere attratto dal progetto della Fiorentina di Rocco Commisso?

Teoricamente sì. Firenze però per chi è stato alla Juventus è una piazza un po’ particolare. Certamente lui ha grandi competenze e potrebbe essere attratto da un progetto così nuovo. Dipende sempre però dal contesto in cui vai a lavorare e di come ci vai a lavorare. Per fare un buon lavoro serve tranquillità.
A proposito di tranquillità, Firenze non ha mai accolto Lippi in maniera troppo gentile nelle trasferte a Firenze

Lippi veniva sempre preso di mira (ride n.d.r.), ma non solo lui. Mi ricordo una volta in cui mi trovavo a Firenze per il corso di allenatore a Coverciano e andai a vedere il Calcio Storico. Me ne hanno dette di tutti i colori, però è normale. Finché si rimane sullo sfottò va sempre bene, cose più pesanti diventano di cattivo gusto. Lavorare a Firenze non è semplice se si arriva dalla Juve, anche se gente come Di Livio o Torricelli hanno fatto buone cose e sono stati ben accolti. Quindi penso che Marcello potrebbe far bene a Firenze e potrebbe guadagnare il favore della piazza: ha una competenza incredibile, un’esperienza straordinaria che sono davanti agli occhi di tutti.
Secondo lei comunque ha voglia di ripartire e potrebbe farlo in questo nuovo ruolo?

Certo, sarebbe un’esperienza nuova per lui dopo tantissimi anni nelle vesti di allenatore.